Google+

Post in evidenza

Come progettare la cucina

Moderne, minimal, classiche, in muratura, country, shabby... In legno, in acciaio, laccate, in pvc, in vetro..c'è da perdere la testa...

10 settembre 2013

Chiamiamolo pure tiramisù..ma è alla ricotta

Mentre stavo ordinando le foto..mi è tornata l'acquolina!
Il tiramisù..o mascarpone è in assoluto il mio dolce preferito.
Quello della mia nonna è il top del top.
Non lo ricopre con il cacao, ma trita con il coltello il cioccolato fondente che arriva bello scrioccherello, dopo il pavesino ammorbidito dal caffè e la sofficità della crema al mascarpone.
Io lo posso fare mille volte, lo posso fare alla perfezione, ma mai mi verrà come il suo.
In più quando si mangia a casa della nonna, siamo almeno 4-5 persone che danno l'assalto alla grande ciotola di ceramica. Noi a casa siamo in due ( in questo caso i nani non contano, causa caffè e intolleranza al latte) quindi lo divorerei in due giorni.
Non si può fare..
Ho così provato a modificare e sostanzialmente cambiare, il dolce al cucchiaio più godurioso di tutti i tempi cercando di "allegerirlo" per sentirmi meno in colpa..scema!
Non vi dico nemmeno in quanto tempo ce lo siamo finito.
Provatelo provatelo provatelo. 

non è un tiramisu



INGREDIENTI
500 gr di ricotta di pecora o mista
250 gr di mascarpone
150 gr zucchero semolato
caffè forte 
nocino o liquore a scelta 
essenza di vaniglia 
cioccolato fondente 30 gr
Pavesini 8 pacchetti circa o Savoiardi



PROCEDIMENTO
Prima di tutto fare il caffè metterlo in una ciotola capiente e farlo raffreddare (non zuccherare)
Una caffettiera da 4 dovrebbe vi dovrebbe bastare, oppure due cialde.
Poi con la grattugia o con il coltello, tagliare il cioccolato fondente e metterlo in frigo.
Setacciare la ricotta, spingendola con il dorso del cucchiaio in un colino o setaccio a maglia fine. 
una casa su misura
Poi montare la ricotta con le fruste elettriche insieme a metà dello zucchero, per almeno 2 minuti, deve venire liscia e cremosa.
Aggiungere il nocino e la vaniglia.
Sbattere il mascarpone con l'altra metà dello zucchero sempre con le fruste elettriche.
Unire i due composti amalgamandoli molto bene.
Intanto preparare la tortiera o i bicchieri o i vasetti o ciò che avete deciso sia il vostro contenitore, e aprite tutti i pacchetti di pavesini.
Iniziate a fare il primo strato, bagnando il biscotto nel caffè, ma poco perchè il pavesino si inzuppa solo a guardarlo, il rischio è che diventino troppo mollicci, devono essere morbidi ma non spappolati.
Ricoprire il primo strato di biscotti con la crema, continuare con un'altro strato di pavesini  e poi crema.
Alla fine cospargere il tutto con il cioccolato che avevate tagliato prima.
Far riposare in frigo almeno 4-6 ore, meglio se lo mangiate il giorno dopo, ma non resisterete!
Se usate i vasetti, aiutatevi con la "sac a poche" per mettere dentro la crema perchè con il solo cucchiaio sarà abbastanza stressante, ma non impossibile.

una casa su misura

una casa su misura per loro

una casa su misura


 Buona Giornata
Silvia

Nessun commento:

Posta un commento

commenta il post

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Google+